Ana Carla Maza

Prenota biglietti

Ana Carla Maza

Prenota biglietti

La violoncellista, cantante e compositrice Ana Carla Maza ha recentemente pubblicato il singolo "A Tomar Café" dal suo nuovo album "Bahía", uscito il 25 febbraio 2022 per Persona Editorial Records.


Bahía è una splendida miscela di violoncello classico e voce, che attinge al son cubano, alla samba, alla bossa nova, al tango, al jazz e alla chanson. Inizia con ,,Habana", dove è nata 26 anni fa in una famiglia di musicisti: suo padre, il celebre pianista cileno Carlos Maza, e sua madre, la chitarrista cubana Mirza Sierra. La title track ,,Bahia" è un'ode al quartiere dell'Avana dove ha trascorso la sua infanzia e ha costruito i suoi ricordi traducendo la folle situazione di Cuba nella sua musica. L'album viaggia attraverso l'America Latina - ,,Huayno" si basa su un ritmo e una danza quechua del Perù, ,,Todo Irá Bien" (,,Tutto andrà bene"), scritto durante la serrata, attinge al figlio cubano e ,,Astor Piazzolla" sul tango, che ha originariamente composto per un quartetto in occasione del centesimo compleanno del compositore argentino.


L'album è stato registrato a Barcellona in un'unica ripresa: "diretto, semplice, sincero, in un colpo solo, un pomeriggio era sufficiente". Per Ana Carla si tratta di un album dopo la pandemia, in cui l'importanza del presente non sarà mai abbastanza sottolineata. Ad esempio, in ,,Petit Français" non c'è alcun sottotesto: "Una volta ero a Parigi, sono andata in un caffè, il Saint-Regis, e ho scambiato lettere d'amore con un ragazzo". Tutto qui.


Ana Carla ha iniziato a suonare il pianoforte all'età di 5 anni, istruita da Miriam Valdés, sorella del pianista Chucho Valdés. Miriam Valdés è morta di covidio-19 nell'ottobre di quest'anno e Ana Carla le ha dedicato la traccia conclusiva di Bahía: "Mentre registravo, la immaginavo seduta sulla sua sedia cubana al pianoforte. Dicono che come artista devi saper esprimere il dolore e che cantare è un sollievo, ma per me è anche un modo per catturare momenti d'amore".
Ana Carla ha iniziato a suonare il violoncello all'età di 8 anni e si è esibita sul palco per la prima volta a L'Avana quando aveva appena 10 anni. A 13 anni ha partecipato a un album del progetto Carlos Maza en Familia e a 14 ha suonato nell'album Quererte. Nel 2012 si è trasferita a Parigi per studiare al Conservatorio e ha intrapreso una carriera da solista, esibendosi in tutta Europa e incontrando in questo periodo il violoncellista Vincent Segal, fonte di ispirazione. Nel 2016 ha pubblicato Solo Acoustic Concert, ispirato alle tradizioni musicali della sua infanzia, dalla bossa nova brasiliana all'habanera cubana, attraverso un vocabolario musicale più ampio, e nel 2020 ha pubblicato La Flor. Entrambi gli album incorporano ritmi latini, melodie pop, armonie jazz e tecniche classiche. Bahia, che uscirà nel febbraio 2022, è un'altra tappa di questo viaggio musicale.

Altri eventi che potrebbero interessarti

torna alla panoramica